Narrativa
Autore:
Luisa Biondi
Titolo:
Arrivo o svolta? le stazioni dell'amore
Pagine: 98
Prezzo: € 12,00
Cod. ISBN: 978-88-8152-260-6
In breve:
Non so se capiti anche a voi di pensare a quanto il tempo trascorra veloce: è sempre il giorno del compleanno, è sempre la fine dell’anno e dunque tempo di bilanci. A fine anno la cosa più triste è aggiornare l’agenda: quanti nomi si devono cancellare perché non sono più con noi! È molto triste e significa che il tempo vola e i nostri cari, i nostri amici o conoscenti sono volati via, in cielo e si ritrovano insieme lassù in un mondo dove le brutture, la cattiveria, l’invidia non esistono e tutto è perfetto. Per chi ha fede l’aldilà è beatitudine, perfezione, gioia e felicità, quella felicità che “si dice” non essere di questo mondo.....

Poesia
Autore:
Rosalda Naldi
Titolo:
Un spraj ad sol - Un raggio di sole Poesie in dialetto romagnolo
Pagine: 192
Prezzo: € 13,00
Cod. ISBN: 978-88-8152-262-0
In breve:
Rosalda Naldi, poetessa e fotografa forlivese. Ha pubblicato nel 2011 un primo libro di poesie in dialetto romagnolo dal titolo “Pinsir Puisì Sogn”. Sta per pubblicare un secondo volume di poesie, sempre in dialetto romagnolo. La prefazione di questo nuovo libro è stata scritta da Gabriele Zelli. Ha partecipato a numerosi concorsi letterari ottenendo importanti ricono-scimenti. Nel 2013 si è classificata prima al concorso “Omaggio a Spaldo”, promosso dall’Accademia dei Benigni di Bertinoro, con la poesia “Dulôr” (Dolore). Nel medesimo concorso si è classificata seconda nel 2014 con “E’ tèn da stê’” (Aspetta), ancora prima nel 2016 con “Sintir ad ciprés” (Sentiero di cipressi) e nel 2017 con “E’ bôrg”. Risultati positivi ha ottenuto anche partecipando al concorso letterario “Antica Pieve”, organizzato da oltre vent’anni dal Comitato Culturale di Pieveacquedotto, dove Rosalda Naldi ha vinto il primo premio nel 2013 con “L’imbès-cia” (Furia omicida). Nel 2016 si è classificata terza con “E’ fiurès l’asfêlt” (Fiorisce l’asfalto) e seconda nel 2017 con “Camèn” (Camino). Le poesie citate saranno lette dall’ autrice. Parallelamente ha coltivato l’interesse per la fotografia partecipando all’attività del Foto Cine Club Forlì Anche in questo settore ha ottenuto importanti riconoscimenti, come il primo posto nel 2013, nel 2015 e nel 2017, il secondo nel 2014 e il terzo nel 2016, nel concorso “Pieveacquedotto... in scatti”. Inoltre Rosalda nel corso degli ultimi anni ha partecipato a tutte le mostre collettive promosse dal Foto Cine Club Forlì.

Storia
Autore:
Agide Vandini
Titolo:
Guerriero e l'Elvira - Mio padre e mia madre
Pagine: 144
Prezzo: € 15,00
Cod. ISBN: 978-88-8152-265-1
In breve:
Vorrei che i miei nipotini leggessero un giorno queste pagine e che le conservassero gelosamente. Chissà se lo faranno. Io comunque, giunto alla mia età, credo sia giusto scriverle, almeno per loro, prima che la memoria, tuttora lucida, e la capacità di proporre vecchie storie e testimonianze, comincino, poco a poco, a venir meno. Oltre alle vicende ed alla figura di mio padre, racconterò, aiutandomi con le fotografie ed i cimeli lasciatimi da mia madre, i tempi duri e lontani della mia famiglia. Cercherò di ordinare al meglio ciò che mi è stato tramandato, aggiungendo quanto raccolto in questi anni. Sarò essenziale intorno a fatti di contorno, aneddoti già raccontati altrove, cui rimanderò nelle note di fondo pagina. Tratterò con cura il dialetto ed esporrò, nel testo e nell’appendice documentaria, diversi documenti inediti, talvolta anche piuttosto intimi: l’intenzione è di dare, della mia famiglia, l’immagine più completa e più vera. Mi propongo di farne un testo illustrato e commentato, che racconti il come e il perché delle nostre radici, facendo comprendere a cosa, ed a chi, dobbiamo l’importante patrimonio affettivo, educativo e culturale da noi ereditato. Sarà in primo luogo la storia di Guerriero e dell’Elvira, di mio padre e mia madre, la storia d’amore di due persone semplici e buone, di una unione felice e armoniosa. Sarà un testo praticamente scritto a quattro mani, essendo la narrazione basata sulle testimonianze dei miei genitori e di mia sorella. Di mio, anche per l’epoca in cui si svolgono i fatti più importanti, ci sarà poco o nulla, tranne qualche ricerca complementare. Perciò, nonostante il buon umore ed il gusto della vita che hanno sempre caratterizzato la mia famiglia, dovrò anche raccontare di anni molto sofferti, di avversità, persecuzioni ed ingiustizie, per le quali si finì per pagare un prezzo troppo alto, sproporzionato ed inaccettabile. Guerriero e l’Elvira furono sempre sorretti da una grande forza, quella data da un grande amore, e dall’intima, incrollabile, idea di democrazia e di pace. L’autore

Arte
Autore:
R.Ward Bissel-Laura Muti-Daniele De Sarno Prignano
Titolo:
Orazio Gentileschi - Il Cristo Deriso
Pagine: 96
Prezzo: € 16,00
Cod. ISBN: 978-88-8152-261-3
In breve:
ll Cristo deriso di Orazio Gentileschi è fulcro, snodo, epicentro d’una riflessione che gli autori dei tre saggi avviano a trecentosessanta gradi per sondare e dibattere, da diverse angolazioni, aspetti e temi specifici attesi all’arte del grande maestro pisano. Il dipinto e con esso il tema raffigurato diventano insieme punto d’avvio e d’approdo di un dialogo ampio e serrato, volto ad avvalersi degli strumenti proprî della disciplina, e linguistici e poetici, per affrontare e dibattere questioni di metodo e interpretazione, di paternità e datazione, nell’assoluto rispetto di quanto le antiche fonti, i documenti e l’iconografia hanno tratteggiato senza licenze e sbavature, e affidato alla luce tersa della conoscenza. Non mancano, nel fluire delle argomentazioni dei singoli autori, analisi mirate al confronto tra il Cristo deriso e un notissimo schizzo di Anton van Dyck che da sempre funge da testimone di un’importante opera di Orazio. La presentazione di una nuova versione non autografa dello stesso tema, recentemente rintracciata, assevera assieme al disegno del Fiammingo, una volta ancora e dippiù, come l’impaginazione offerta dal Cristo deriso, al centro di questa silloge, sia a pieno titolo il prototipo ideato e realizzato dal Gentileschi.

Fiabe
Autore:
Christiane Tschopp
Titolo:
In fuga nel bosco
Pagine: 32
Prezzo: € 15,00
Cod. ISBN: 978-88-8152-264-4
In breve:
Alice cammina nel bosco, i pugni in tasca e la schiena curva. Brontola e scalcia rabbiosamente nel tappeto di foglie secche sparse sul terreno. Spezza i rami che ostacolano il suo cammino e fa volare i funghi con vigorose pedate. Insomma, è proprio furiosa! Ad un certo punto dà addirittura un calcio violento al tronco di un albero. Si sente un grido rauco e lamentoso. Alice sorpresa si ferma. - Chi è che urla?- - Sono io.- Risponde una voce profonda e bassa. - Fatti vedere se hai coraggio.- Lo sfida Alice, i pugni chiusi pronti a colpire. - Sono davanti a te bello e grosso. Non mi vedi?- - Esci fuori codardo! Non ti vedo!- - Eppure mi hai visto bene quando mi hai dato un calcio.- - Ma io ho colpito un albero e gli alberi non parlano.-

Storia
Autore:
Daniele Filippi
Titolo:
Giannetto Vassura
Pagine: 104
Prezzo: € 0,00
Cod. ISBN: ------
In breve:
Il Novecento fu il secolo che si aprì con il più grande evento mitologico della modernità, la conquista del cielo. Quando nel lontano 10 dicembre 1903 i due fratelli Wright fecero spiccare il primo volo al loro rudimentale aereo, dando così inizio all’era dell’aviazione, probabilmente nessuno aveva ancora pensato ad un utilizzo militare di quel mezzo estremamente innovativo. È innegabile che quella data segnò un momento fondamentale per l’umanità, lo sfruttamento della terza dimensione, la liberazione dalla costrizione al piano orizzontale. Una consapevolezza che però non fu immediata, ma bensì una conquista progressiva esaltata via via che la tecnica mise a disposizione dei piloti macchine più performanti. Giannetto Vassura sognava un’Italia migliore, e a poco a poco quel sogno si aggrappò nell’impulso che ha spinto per millenni l’uomo a tentare l’ignoto, a sfidare se stesso alla ricerca di qualcosa ritenuta irrealizzabile. Con il primo conflitto mondiale l’arma aerea si affermò come strumento militare e tutte le tecniche conosciute furono applicate dai piloti di allora, per sopravvivere durante le fasi più cruente dei combattimenti.

Storia
Autore:
Pietro Baccarini
Titolo:
Elio Assirelli-Fra impegno morale e servizio civile 1923-2009
Pagine: 352
Prezzo: € 30,00
Cod. ISBN: 978-88-8152-263-7
In breve:
Questo libro nasce dopo tre anni di lavoro intenso e di ricerche sulle tante attività svolte da Elio Assirelli in oltre cinquanta anni di significativa presenza nella realtà politica, amministrativa, sociale di Faenza. Assirelli giganteggia per il ruolo di sindaco che ha ricoperto dal 1956 al 1972, ma anche prima come militante del mondo cattolico, partecipe della guerra di Liberazione, protagonista nell’or-ganizzazione sindacale locale attraverso cui ha difeso i valori del solidarismo cattolico. È poi stato eletto senatore delle Repubblica e negli ultimi decenni della sua vita animatore di tante iniziative di carattere sociale, economico, culturale sviluppatesi a Faenza dagli anni ’80 fino alla morte. Sono cinquant’anni nei quali si sono verificate le più profonde modifiche sociali, economiche, culturali, urbanistiche della nostra città che hanno coinvolto tutti gli strati della popolazione. Assirelli incarna quel volto democratico, popolare, aperto alle istanze dei ceti più bisognosi, succedendo a quella classe di élite economica, nobiliare e agraria che aveva dominato la scena faentina dall’inizio del secolo.

Tradizioni
Autore:
Emilio Pezzi-Marisa Fontana
Titolo:
Le stagioni dei contadini nella Romagna tra le due Guerre
Pagine: 198
Prezzo: € 20,00
Cod. ISBN:
In breve:
Perché raccogliere le memorie degli anziani? Perché se siamo come siamo, è perché abbiamo un passato e vivere in un mondo globale non deve farci dimenticare da dove veniamo. Il passato insegna. Non è detto che si sia così disposti a imparare dal passato, ma potrebbe ispirarci qualche buon proposito per il futuro. Ce ne sarebbe bisogno. Tanto per riflettere su memoria, passato e futuro, abbiamo pensato di raccogliere alcuni aforismi, alcune frasi di personaggi celebri che ci hanno preceduto, per vedere come nei secoli sono stati affrontati questi temi.

Narrativa
Autore:
Giuliano Vitali
Titolo:
Sotto il segno del granchio-Il lungo viaggio poetico di Guerrino Tramonti
Pagine: 200
Prezzo: € 18,00
Cod. ISBN: 978-88-8152-259-0
In breve:
Si udirono forti vagiti intervallati da pianti di gioia. Era il trenta giugno del millenovecento quindici, sotto la costellazione del Granchio. Nonostante il clima dolce e la luce intensa, sia il mattino sia la sera, non si comprese se i vagiti erano giunti all’alba o al tramonto. È certo che eravamo all’alba della Grande Guerra. Sì, guerra e perché non chiamarlo Guerrino? È nato sotto la costellazione del Granchio, perciò sarà combattivo e caparbio. La mamma Cesira si accorse subito del carattere impetuoso del figlio, perché vagiva con impeto come fosse una contestazione a far valere i suoi diritti di poppata.

Varie
Autore:
Tito Menzani-Matteo Troilo
Titolo:
Carte d'acqua-Le mappe della bonifica in Romagna secc. XVIII-XXI
Pagine: 176
Prezzo: € 20,00
Cod. ISBN: 978-88-8152-247-7
In breve:
Il Consorzio di Bonifica della Romagna Occidentale possiede un archivio cartografico di grande interesse, con mappe che vanno dal Settecento ad oggi. Questo libro ha innanzi tutto la funzione di valorizzare e far conoscere questo patrimonio, non tanto nell’idea di suscitare una generica curiosità di fronte a documenti d’epoca, bensì con l’intento di raccontare e spiegare le trasformazioni di un territorio. Il volume si compone di due saggi che ruotano attorno al corpus principale, ossia quella dimensione cartografica che funge da testo (e da pretesto) per la lettura di un fenomeno storico di grande rilievo, quale è la trasformazione degli equilibri idraulici del territorio romagnolo. In queste pagine viene pubblicata una ricca selezione delle mappe contenute nel suddetto archivio, oltre ad alcune che – come meglio si spiegherà poco più avanti – sono contenute in quello del Consorzio di Bonifica della Romagna, nella sede di Ravenna. Si va dalla mappa che riproduce l’area padana nel suo complesso o buona parte della Romagna, a quella in scala più grande che raffigura un comprensorio circoscritto, evidenziando scoli e proprietà fondiarie. Così come ci sono carte geografiche del Settecento fino a quelle georeferenziate che danno conto dell’ultima generazione della cartografia, passando attraverso mappe che raffigurano i progetti idraulici di modificazione del territorio, come ipotesi di nuovi canali, di botti e simili. Si tratta di un significativo patrimonio documentario oggi custodito negli archivi consortili, fatto di materiali cartacei di varia natura, sopravvissuti nei secoli, che rappresenta un piccolo «tesoro archivistico», dal quale possono scaturire nuove ricerche... Tito Menzani Matteo Troilo

Varie
Autore:
Claudia Panizza
Titolo:
La Sapienza-le scoperte dello spettro di Energie che portano alle guarigioni nei Luoghi delle apparizioni Mariane
Pagine: 304
Prezzo: € 30,00
Cod. ISBN: 978-88-8152-246-0
In breve:
La ricercatrice bolognese Claudia Panizza ha fatto una scoperta eccezionale. Riprendendo gli studi del 1936 sui raggi gamma, effettuati dagli scienziati francesi Chaumery, De Belizal e Morel, ha scoperto, dopo anni di studi, che tipo di Energia curativa si sprigiona in certe zone della Terra e come sfruttarla per la salute fisica e spirituale degli esseri umani. Una scoperta che le ha permesso di guarire lei stessa da una debilitante malattia cronica e di risolvere tanti misteri che circondano il significato del Santo Graal, dell’Arca dell’Alleanza e della Pietra filosofale. Ma non solo. La studiosa bolognese afferma con pacata certezza che i suoi studi hanno fatto cadere il velo misterioso che da sempre avvolge l’opera pittorica più visitata e ammirata al mondo: La Gioconda di Leonardo da Vinci. Claudia Panizza, esperta di discipline olistiche, specializzata in Rieducazione vibratoria cellulare e in Riflessologia Auricolare è la prima persona al mondo che ha scoperto che tipo di Energia si sviluppa nei Luoghi delle apparizioni mariane e soprattutto in quali giorni e in quali ore questa Energia si sprigiona con più potenza, provocando il più alto numero di guarigioni. I risultati dei suoi studi, con le sue scoperte corredate da prove scientifiche, sono pubblicati nel suo libro “La Sapienza”, Edizioni Edit Faenza, che verrà presentato il prossimo 19 marzo a Montichiari in provincia di Brescia e poi sarà disponibile in tutte le librerie e sui siti on line più sensibili agli argomenti trattati. Nella storia della letteratura notiamo che sono diversi i libri che parlano della Sapienza in varie forme: religiose, filosofiche, scientifiche, che cosa rappresenta “la Sapienza” per la Panizza? “ La Sapienza per me è la vera Conoscenza delle forze della Natura, che porta a comprendere Chi è il vero Creatore” spiega la Panizza, “e di conseguenza quali sono le forze che entrano in campo dal momento della nostra nascita, fino a scoprire quale tipo di Energia si sprigiona Sui Luoghi sacri che la Madre Santa ci indica durante le Sue apparizioni. Energia che si manifesta solo nei Luoghi che si trovano lungo il Meridiano magnetico della Terra.” Si tratterebbe di fenomeni rilevati scientificamente che si ripresentano ciclicamente, più potenti in certi giorni e in certe ore, con alta probabilità di guarigione delle persone che si recano in quei Luoghi in quei giorni e in quelle ore particolari. Si parla di guarigioni da malattie fisiche ma anche da stati di depressione mentale e spirituale. “La Sapienza” di Claudia Panizza sta incontrando un notevole interesse in tutto il mondo accademico e sono le associazioni e le realtà stesse delle diverse città che la stanno invitando a tenere conferenze e corsi sugli argomenti che vi sono trattati. Soprattutto per quanto concerne l’applicazione della Tecnica naturale di “Rieducazione vibratoria cellulare”, spiegata dalla stessa studiosa bolognese e che verrà effettuata nei giorni e nelle ore che risulteranno più potenti per le guarigioni. Per quanto riguarda il mistero da lei risolto che avvolge il dipinto della Gioconda, la Panizza ci rimanda alle dettagliate spiegazioni contenute nel libro ed accenna solo al fatto che “Leonardo studiò un metodo per rappresentare in modo celato la vera Natura di Dio”. I contenuti del suo libro e le modalità di diffusione e di applicazione delle sue teorie verranno approfondite durante i corsi che organizzerà “La Libera Università della Sapienza”, fondata dalla stessa ricercatrice bolognese, con classi gestite anche online tramite webinar systems.

Storia
Autore:
Pietro Baccarini
Titolo:
Antonio Zucchini fra religiosità e politica 1891-1971
Pagine: 478
Prezzo: € 30,00
Cod. ISBN: 978-88-8152-242-2
In breve:
... Quando lo conobbi nella Democrazia Cristiana, ne apprezzai il carattere, ne ammirai la stima e il rispetto con la quale amici e avversarsi gli si rivolgevano. Avevo conosciuto di Lui molte cose dai discorsi della nonna e di mio padre Ercole, che era sempre stato al suo fianco nelle campagne elettorali, poi quando mi sono avventurato nello scrivere la Storia della Democrazia Cristiana di Faenza ho conosciuto meglio la sua statura morale, il suo impegno religioso, politico e amministrativo che per quanto i racconti mi avessero illuminato, non potevano certo essere più precisi dei verbali degli organi della Democrazia Cristiana o di quelli del Consiglio comunale... Pietro Baccarini

arte
Autore:
Anna Colombi Ferretti - Claudia Pedrini - Anna Tambini
Titolo:
Il Cinquecento - parte prima Storia della arti figurative a Faenza
Pagine: 352
Prezzo: € 40,00
Cod. ISBN: 978-88-8152-245-3
In breve:
Con la pubblicazione del volume Il Cinquecento parte prima, di Anna Colombi Ferretti, Claudia Pedrini e Anna Tambini, per le edizioni Edit Faenza, “Italia Nostra” sezione di Faenza, prosegue il cammino per ristabilire un filo conduttore con la storia che le vicissitudini del tempo hanno spesso allentato. Questo quinto volume della collana “Storia delle arti figurative a Faenza” (I. A. Tambini, Le Origini, 2006; II. A. Tambini, Il Gotico, 2007; III. A. Tambini, Il Rinascimento, 2009; IV. M. Ferretti, La scultura del Quattrocento, 2011) costituisce un nuovo non trascurabile capitolo ed offre un'opportunità per contribuire alla riscoperta delle radici culturali della Città: un sostanziale recupero di un momento altissimo della storia artistica e culturale di Faenza e di uno straordinario patrimonio di civiltà. La ricca produzione artistica del XVI secolo si è articolata in diversi ambiti e naturalmente con strette connessioni tanto da essere parziale e limitativa una considerazione unilaterale: la pittura, la scultura, le arti decorative e la ceramica, in tutte l'impegno creativo è stato costante, tanto da dar luogo non di rado ad affermazioni ed espressioni di alto livello e qualità. Le nostre conoscenze tuttavia, nonché la percezione stessa del valore di questo periodo, sono state inevitabilmente condizionate dalle vicissitudini del patrimonio artistico nei secoli: una notevole dispersione in gran parte dovuta al cambiamento di gusti e di interessi, le diverse esigenze anche di tipo devozionale, la ricostruzione radicale di alcune chiese conventuali, l'assenza di un concetto di tutela e rispetto della storia – che è conquista della modernità – , quindi la vendita di ancone, tavole, scomparti ed il loro successivo peregrinare di collezione in collezione fino a luoghi impensabili in Italia e in tutto il mondo. Ben poco resta nel luogo d'origine: se a Faenza non ci fosse stata la raccolta di opere della Pinacoteca che incamerò buona parte dei dipinti al momento delle soppressioni del 1797 e del 1867, sarebbe venuta meno in loco buona parte della memoria della nostra storia artistica: così per il Palmezzano, il Bertucci, ma anche per Sigismondo Foschi e Antonio di Mazzone e per diversi artisti attivi nella seconda metà del secolo. Le raccolte della Pinacoteca hanno avuto ed hanno tuttora un ruolo insostituibile perché ci consentono di conoscere la nostra storia che è non solo storia artistica ma parte integrante della nostra identità, offrendo tra l'altro imprescindibili motivazioni e riferimenti per l'importante sviluppo a Faenza di un artigianato d'eccellenza che non può essere altrimenti compreso...

Arte
Autore:
Marcella Vitali
Titolo:
Galleria dei Cento Pacifici
Pagine: 40
Prezzo: € 10,00
Cod. ISBN: 978-88-8152-240-8
In breve:
Una pubblicazione che intende essere strumento di conoscenza, funzionale alla consapevolezza della necessità di preservare e aver cura di un luogo unico che, stando alle intenzioni della committenza, avrebbe dovuto assumere il ruolo di Tempio della Pace, secondo un progetto che rifletteva l’idea di un vero e proprio programma civile. Il restauro della Galleria dei Cento Pacifici come ambiente di prestigio nell’ambito degli spazi destinati a Ridotto del Teatro deve essere considerato esempio di recupero e valorizzazione di un patrimonio pubblico di grande valore ma allo stesso tempo un mezzo per avvicinare questo spazio privilegiato alla città, grazie al processo di partecipazione di diversi enti ed associazioni che hanno dato il proprio contributo per il buon esito della iniziativa.

PROMOZIONE NATALE 2014
Autore:
EDIT FAENZA
Titolo:
NATALE 2014
Pagine:
Prezzo: € 0,00
Cod. ISBN:
In breve:

Aggiorna le novità